Confermato: la cometa Borisov è un altro visitatore interstellare

2019-09-26
La prima cometa in assoluto da oltre il nostro sistema solare, come ripreso dall'Osservatorio Gemini. L'immagine dell'oggetto appena scoperto, denominato 2I / Borisov, è stata scattata la notte tra il 9 e il 10 settembre 2019 utilizzando lo spettrografo multi-oggetto Gemini sul telescopio Gemini North dal Mauna Kea delle Hawaii. Gemini Observatory / NSF / AURA / International Astronomical Union

Quando 'Oumuamua è stata avvistata mentre si allontanava dal nostro sistema solare, gli astronomi sono rimasti affascinati: è stata la prima cometa interstellare ad essere scoperta dopo un incontro casuale con la gravità del nostro sole. Ora, due anni dopo questa storica scoperta, è successo di nuovo; la galassia ha inviato un altro pezzo rotolante di materiale interstellare ghiacciato verso di noi.

Una scoperta amatoriale

Il 30 agosto 2019, Gennady Borisov, un astronomo dilettante in Crimea, ha spiato il distante oggetto sfocato usando un telescopio fatto in casa di 0,65 metri, un'incredibile scoperta che sottolinea il ruolo chiave che gli astronomi non professionisti svolgono nelle scoperte astronomiche storiche. Dopo gli avvistamenti di follow-up e la conferma di altri astronomi dilettanti e professionisti, la cometa - inizialmente designata C / 2019 Q4 - è stata presto confermata non provenire da queste parti.

I calcoli della sua orbita attorno al sole hanno dimostrato che aveva una traiettoria estremamente iperbolica, un percorso che significava che non poteva essere legato gravitazionalmente alla nostra stella. L'antico oggetto aveva avuto origine ben oltre le coste del nostro sistema solare, espulso da un altro sistema stellare situato altrove nella galassia.

In genere, le comete scoperte di recente hanno traiettorie che tradiscono le loro orbite solari e quindi rendono chiare le loro origini. Le comete di lungo e breve periodo hanno tutte orbite ellittiche che possono essere quasi circolari o estremamente allungate; le loro velocità orbitali rivelano che hanno origine dagli antichi detriti ghiacciati che sono sparsi nell'entroterra del nostro sistema solare, forse nella fascia di Kuiper (oltre l'orbita di Nettuno), o fino all'ipotetica nuvola di Oort (un vasto sciame di oggetti legati che si estendono fino a 1,5 anni luce dal sole). Molte comete hanno periodi regolari, che sfrecciano attraverso il sistema solare interno ogni pochi anni, altre possono impiegare decine di migliaia di anni per completare un'orbita.

Le osservazioni di C / 2019 Q4, tuttavia, rivelano che si sta semplicemente muovendo troppo velocemente per essere in orbita attorno al sole; è venuto da lontano e sentirà la gravità del nostro sole solo leggermente, dandogli una piccola correzione di rotta mentre torna indietro nello spazio interstellare per continuare il suo viaggio tra le stelle.

"La velocità attuale della cometa è alta, circa 93.000 miglia all'ora (150.000 chilometri all'ora), che è ben al di sopra delle velocità tipiche degli oggetti in orbita attorno al Sole a quella distanza," Davide Farnocchia, che lavora al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, California, ha detto in un comunicato stampa poco dopo che l'oggetto è stato scoperto. "L'alta velocità indica non solo che l'oggetto probabilmente ha avuto origine dall'esterno del nostro sistema solare, ma anche che se ne andrà e tornerà nello spazio interstellare".

Conferma come Interstellar

Alla fine di settembre 2019, l'Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha ufficialmente chiamato la cometa "2I / Borisov" dopo il suo scopritore e confermando in un comunicato stampa che era "di origine inequivocabilmente interstellare" rendendola solo il secondo oggetto interstellare da scoprire ad oggi. E la notizia migliore è che, a differenza del suo predecessore interstellare 'Oumuamua, abbiamo molto più tempo per studiarlo: ha appena iniziato il suo viaggio attraverso il sistema solare e gli astronomi si aspettano di guardarlo per i mesi a venire.

Gli astronomi calcolano che si avvicinerà più vicino al sole (perielio) il 7 dicembre 2019, arrivando entro 2 unità astronomiche (UA, dove 1 UA è la distanza media tra la Terra e il sole). La chioma sottile e sfocata e la coda della cometa sono già visibili, suggerendo che i ghiacci vengono riscaldati dalla radiazione solare, provocando la sublimazione dei ghiacci nello spazio, creando un'atmosfera tenue attorno al nucleo della cometa. Man mano che si avvicina al perielio, si prevede che la sua chioma diventi più attiva, espellendo più vapore e polvere nello spazio, consentendo agli astronomi di studiare meglio la composizione chimica dei ghiacci che vengono scaricati nello spazio. Secondo l' IAU, si prevede che l'attività raggiungerà il picco a dicembre 2019 e gennaio 2020. Ciò è in netto contrasto con 'Oumuamua che non possedeva un evidente coma di coda dopo la sua scoperta.

Questa illustrazione mostra la traiettoria della cometa C / 2019.

Anche se stiamo solo imparando a conoscere il nostro nuovo visitatore interstellare, gli astronomi stanno già iniziando a conoscere le origini della cometa. Usando il telescopio William Herschel alla Palma nelle Isole Canarie e il telescopio Gemini Nord sul Mauna Kea alle Hawaii, gli astronomi hanno analizzato gli spettri di 2I / Borisov per scoprire che la cometa ha una sfumatura rossastra sulla sua superficie, una caratteristica delle comete di lungo periodo in il nostro sistema solare che ha origine dalla nube di Oort, come la cometa Hale-Bopp e Hyakutake. Resta da vedere quali altre somiglianze con il materiale nel sistema solare esterno 2I / Borisov ha.

Dei miliardi di sistemi stellari che occupano la nostra galassia, non sorprende che pezzi di detriti ghiacciati - gli avanzi della formazione stellare - vengano sparsi a casaccio nello spazio interstellare, ma la grande domanda è quanti intrusi interstellari incontrano regolarmente il nostro sistema solare ? Ora gli astronomi hanno confermato due di questi oggetti e, man mano che le tecniche di osservazione migliorano, sembra che lo stiamo scoprendo.

Ora è interessante

Le osservazioni di Karen Meech e del suo team presso l'Università delle Hawaii indicano che il nucleo della cometa Borisov ha un diametro di circa 1,2 e 10 miglia (2 e 16 chilometri).

Suggested posts

The Secrets of Airline Travel Quiz

The Secrets of Airline Travel Quiz

Air travel is far more than getting from point A to point B safely. How much do you know about the million little details that go into flying on airplanes?

Dona i tuoi capelli per aiutare a mantenere la nostra acqua pulita

Dona i tuoi capelli per aiutare a mantenere la nostra acqua pulita

Le rifiniture dei capelli dai saloni e le donazioni personali possono essere riutilizzate come tappetini che assorbono le fuoriuscite di olio e aiutano a proteggere l'ambiente.

Related posts

La montagna più alta del sistema solare è molto più alta dell'Everest

La montagna più alta del sistema solare è molto più alta dell'Everest

Molte persone sognano di scalare l'Everest, ma se fosse possibile scalare la montagna più alta del sistema solare? Quella montagna è più del doppio dell'Everest! Allora, dov'è?

Il tempo potrebbe non esistere, dicono alcuni fisici e filosofi

Il tempo potrebbe non esistere, dicono alcuni fisici e filosofi

La risposta alla domanda "Il tempo esiste?" può sembrare ovvio, ma lo è? E se il tempo non esistesse, ma fosse semplicemente un costrutto umano?

Il bosone W appena misurato potrebbe rompere il modello standard?

Il bosone W appena misurato potrebbe rompere il modello standard?

Un decennio di scienza e trilioni di collisioni mostrano che il bosone W è più massiccio del previsto. Un fisico del team spiega cosa significa per il modello in carica della fisica delle particelle.

Forse puoi essere troppo magro? Incontra il grattacielo più magro del mondo

Forse puoi essere troppo magro? Incontra il grattacielo più magro del mondo

Con i suoi 1.428 piedi di altezza e solo 60 piedi di larghezza, la Steinway Tower di New York City si è guadagnata il soprannome di "The Coffee Stirrer".

Tags

Categories

Top Topics

Language