Le città degli Stati Uniti possono evitare il Gridlock mentre la vita torna alla "normalità"?

2021-06-22
Il traffico è chiaramente tornato a Los Angeles, come si vede qui durante l'ora di punta all'incrocio tra le autostrade 110 e 101 il 15 giugno 2021. Carolyn Cole/Los Angeles Times via Getty Images

Il traffico è così onnipresente nelle città statunitensi che fino a poco tempo fa, immaginare la vita urbana senza di esso significava cercare esempi in altre nazioni . Poi, nel 2020, le chiusure e i blocchi per il COVID-19 hanno allontanato i conducenti dalle strade. L'esperimento mentale è diventato reale.

Gli impatti principali sono evidenti. In primo luogo, l'utenza del trasporto pubblico è crollata dell'80%, lasciando principalmente i lavoratori a basso reddito in posti di lavoro dichiarati essenziali a guidare autobus, metropolitana e treni pendolari.

In secondo luogo, il traffico veicolare privato è diminuito di oltre il 50% nella maggior parte delle aree metropolitane e di oltre il 75% in alcune città orientate alla tecnologia come San Francisco, dove più persone potrebbero lavorare da casa. Con meno traffico, le città sono diventate più tranquille, meno inquinate. La gente poteva sentire il canto degli uccelli per la prima volta. La qualità dell'aria è migliorata. I cieli erano più chiari.

Sorprendentemente, tuttavia, gli incidenti stradali non sono diminuiti . Sebbene alla guida di un numero inferiore di persone, i livelli di velocità media aumentavano con strade più vuote. Anche la distrazione alla guida è aumentata, con un numero maggiore di conducenti che inviano messaggi di testo, inviano e- mail e fanno shopping mentre sono al volante. L'eccessiva sicurezza, la velocità e la distrazione hanno portato ad un aumento degli incidenti.

In terzo luogo, le strade tranquille hanno offerto l'opportunità di reinventare e creare città meno incentrate sull'auto. Da Boston a Los Angeles sono sbocciati i ristoranti di strada . Commensali, pedoni e ciclisti hanno bonificato gli spazi esterni .

Mentre gli stati revocano le restrizioni sulla pandemia e i lavoratori discutono se tornare alle impostazioni dell'ufficio , queste tendenze continueranno? Come studioso che ricerca le città , mi aspetto che i seguenti fattori chiave plasmino l'aspetto del traffico post-pandemia.

Oakland, in California, ha chiuso 74 miglia di strade nella primavera del 2020 per offrire alle persone spazi sicuri per uscire all'aperto e fare esercizio. Qui si vede una famiglia in bicicletta alla 42esima e Shafter.

Trasporto pubblico in crisi

Le finanze del trasporto pubblico hanno subito un duro colpo durante la pandemia poiché il numero di passeggeri si è ridotto. Molte città hanno risposto riducendo il servizio di autobus e treno, eliminando i percorsi e licenziando i dipendenti . Se il trasporto pubblico urbano possa riprendersi a lungo termine è una questione cruciale.

Finora, i sondaggi suggeriscono che i motociclisti più benestanti sono meno disposti a tornare , soprattutto se possono lavorare in modo produttivo da casa . C'è ancora la sensazione persistente che il trasporto pubblico, e in effetti tutto il car sharing, sia più rischioso rispetto a camminare, andare in bicicletta o viaggiare in auto personale.

Eventuali cali a lungo termine della qualità del trasporto pubblico saranno sostenuti in modo sproporzionato dai lavoratori a basso reddito, che hanno meno scelta e saranno costretti a navigare in servizi più costosi e meno affidabili. Gli effetti a catena sull'accesso alle opportunità di lavoro , sui tempi di spostamento e sulla qualità generale della vita potrebbero essere gravi, aggiungendo un ulteriore strato alla crescente disuguaglianza nella società statunitense.

Il trasporto pubblico era già cronicamente sottofinanziato negli Stati Uniti prima del 2020 e la pandemia si è solo aggiunta a questi problemi fiscali. Tuttavia, la portata dell'attuale crisi potrebbe cambiare gli atteggiamenti, soprattutto a livello federale.

Il trasporto pubblico ha ricevuto una spinta fiscale dal Coronavirus Aid, Relief and Economic Security Act, noto come CARES Act, approvato dal Congresso nel marzo 2020. E il presidente Joe Biden ha proposto 85 miliardi di dollari per investimenti di capitale nel trasporto pubblico nel suo piano infrastrutturale.

I dettagli dei potenziali investimenti stanno ancora prendendo forma, e molto dipende dalle trattative congressuali . Ma sebbene la tradizionale mentalità stradale e automobilistica americana rimanga forte, la pandemia potrebbe aver finalmente chiarito che il trasporto pubblico urbano ha un ruolo sociale ed economico vitale nel rendere le città più eque, oltre che più efficienti.

Il traffico è in ripresa

L'aumento delle passeggiate a piedi e in bicicletta durante la pandemia è stata una buona notizia per molte ragioni. Con meno traffico di superficie, le città sono diventate più tranquille e meno inquinate . La gente poteva sentire per la prima volta il canto degli uccelli in molti luoghi e camminare su strade libere dal traffico intenso.

Le città tradizionalmente afflitte dagli ingorghi, come Boston, Dallas, Houston, Los Angeles e Washington, DC, vedevano tutte strade meno congestionate . Ma non è chiaro se questo sarà un cambiamento duraturo o una risposta a breve termine.

A metà giugno 2020, mentre molti stati e città erano ancora soggetti a restrizioni COVID-19, il traffico era rimbalzato in tutto il paese a quasi il 90% dei livelli pre-pandemia. Washington, DC, era al 70 percento del suo livello normale, New York all'82 percento e Los Angeles all'85 percento. Ora, poiché i vaccini e la fine dei controlli contro la pandemia rendono le persone più libere di muoversi, molte città stanno rapidamente tornando ai livelli di traffico precedenti.

Un po' controintuitivamente, avere più auto sulla strada potrebbe effettivamente migliorare la sicurezza. Con più traffico, la velocità media potrebbe scendere a livelli più sicuri.

Tuttavia, la guida distratta potrebbe controbilanciare questa tendenza. Viviamo in un'epoca di distrazione , in cui molte persone sentono che è OK guidare mentre scrivono messaggi e twittano. Man mano che il traffico torna ai livelli pre-pandemia, le città e gli stati dovranno riorientare l'attenzione su misure come la limitazione dell'uso del cellulare nelle auto.

Rendere le strade cittadine più a misura d'uomo

Forse la notizia più incoraggiante relativa al traffico è che molte città stanno portando avanti piani per ridurre gli spostamenti in auto e rendere le strade più sicure per pedoni e ciclisti.

La pandemia ha offerto un'opportunità unica per reimmaginare la città come un luogo in cui i conducenti dovevano condividere lo spazio con gli altri. Anche questa era una tendenza precedente al COVID-19, ma ha subito un'accelerazione nel 2020, quando le strade erano relativamente vuote.

Molte città stanno ora implementando iniziative come trasporto pubblico gratuito, piste ciclabili protette, iniziative di bike sharing, tariffe di congestione, chiusure regolari delle strade, corsie preferenziali per gli autobus, strade tranquille e velocità del traffico ridotta. Queste città includono Boston , Chicago , Los Angeles , New York , Seattle , San Francisco e Washington, DC

Ma ci sono interessi in competizione e contropressioni politiche. Un sondaggio tra i sindaci ha rilevato che molti hanno approvato le modifiche allo spazio stradale, ma relativamente pochi avevano intenzione di renderle permanenti. I leader della città si rendono conto che potenti interessi economici vogliono che consumatori e lavoratori abbiano accesso al centro con un'auto privata.

I prossimi mesi potrebbero essere un punto cruciale. La pandemia ha dato agli americani uno sguardo allettante su come sarebbero state le città meno orientate alle auto. La pandemia ha visto la bonifica delle strade urbane per l'uso pubblico, l'emergere di una città meno incentrata sull'auto e la reimmaginazione di una città più sicura, più lenta e tranquilla con strade condivise tra una varietà di utenti. Ma molti interessi vogliono un rapido ritorno allo status quo.

Il risultato dipenderà da quanto efficacemente gli abitanti delle città e i gruppi di advocacy adotteranno le loro ragioni per strade cittadine più incentrate sulle persone .

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Potete trovare l' articolo originale qui .

John Rennie Short è professore alla School of Public Policy dell'Università del Maryland, nella contea di Baltimora. È esperto di problematiche urbane, ambientali, globalizzazione, geografia politica e storia della cartografia.

Suggested posts

Perché le auto avevano le "porte suicide"? Esistono ancora?

Perché le auto avevano le "porte suicide"? Esistono ancora?

Una "porta del suicidio" era il nome popolare per la portiera dell'auto che si apriva dalla parte posteriore anziché dalla parte anteriore. Perché si chiamavano così e ci sono auto che hanno questa caratteristica?

Qual è la macchina più veloce al mondo?

Qual è la macchina più veloce al mondo?

Se la tua auto è costruita come un aereo supersonico, puoi sicuramente raggiungere velocità incredibili. Ma che dire di un'auto che puoi effettivamente acquistare?

Related posts

Gli americani hanno guidato di meno, ma hanno avuto più incidenti mortali nel 2020, afferma NHTSA

Gli americani hanno guidato di meno, ma hanno avuto più incidenti mortali nel 2020, afferma NHTSA

Gli americani hanno guidato miliardi di miglia in meno nel 2020 a causa del coronavirus. Ma nonostante meno miglia sulla strada, gli Stati Uniti hanno avuto il più grande picco di incidenti stradali mortali dal 2007.

Qual è l'auto più costosa al mondo?

Qual è l'auto più costosa al mondo?

Non te lo sei mai chiesto? Dipende da come lo guardi e abbiamo due risposte: il prezzo più alto dell'adesivo e il prezzo più alto mai pagato. Entrambi sono stupendi.

Jaywalking è ancora un crimine?

Jaywalking è ancora un crimine?

La storia del jaywalking è probabilmente molto più complessa di quanto ti aspetteresti. Criminalizzare l'attraversamento della strada ha radici nell'industria automobilistica, nelle guerre di classe e persino nel razzismo.

Perché le cinture di sicurezza non sono obbligatorie su tutti gli scuolabus?

Perché le cinture di sicurezza non sono obbligatorie su tutti gli scuolabus?

Gli scuolabus sono alcuni dei veicoli più sicuri sulla strada. Ma la maggior parte non ha nemmeno le cinture di sicurezza, lasciando i bambini all'interno vulnerabili a lesioni in caso di incidente.

Top Topics

Language