Perché gli Stati Uniti non hanno sempre sostenuto la Corte penale internazionale

2022-06-10
Il procuratore della Corte penale internazionale, il britannico Karim Khan (al centro), visita una fossa comune a Bucha, appena fuori Kiev, Ucraina, il 13 aprile 2022. Khan sta indagando sui crimini di guerra commessi dalla Russia per conto della Corte penale internazionale dell'Aia. FADEL SENNA/AFP tramite Getty Images

Dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina nel febbraio 2022, sono emerse notizie di attacchi contro civili da parte delle forze russe. Il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità una risoluzione presentata dal senatore statunitense Lindsey Graham, RSC, che chiedeva che il leader russo Vladimir Putin e i membri del suo regime fossero ritenuti legalmente responsabili. In un comunicato stampa , Graham ha persino identificato chi dovrebbe condurre il processo: la Corte penale internazionale (CPI), un organismo creato da un trattato internazionale del 1998, lo Statuto di Roma , allo scopo di indagare e perseguire le persone per genocidio , crimini di guerra e altri reati.

"Sono molto entusiasta che il Senato degli Stati Uniti abbia accettato all'unanimità di sostenere l'indagine sui crimini di guerra condotta contro Putin e la sua cerchia ristretta all'Aia", ha detto Graham nel comunicato stampa , citando la pittoresca capitale costiera olandese dove si trova il tribunale . "L'America dovrebbe fare tutto il possibile per aiutare questa indagine fornendo informazioni e intelligence alla corte in modo tempestivo".

C'era una contraddizione sconcertante implicita nell'affermazione di Graham. Stava offrendo l'assistenza degli Stati Uniti a un tribunale la cui autorità gli Stati Uniti non hanno mai riconosciuto. Al contrario, gli Stati Uniti erano tra le poche nazioni che si sono opposte alla formazione della corte e, sebbene il presidente uscente Bill Clinton abbia firmato lo Statuto di Roma nel dicembre 2020, il trattato non è mai stato ratificato dal Senato degli Stati Uniti. Da allora, il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente rifiutato l'autorità della CCI sugli americani e, a volte, ha attivamente cercato di ostacolarne le attività.

Ma per rendere le cose ancora più confuse, altre volte, gli Stati Uniti hanno cooperato silenziosamente con il tribunale offrendo ricompense in denaro per informazioni che portassero all'arresto dei latitanti voluti dalla CPI . Nel 2013, quando il signore della guerra africano Bosco Ntaganda si è consegnato all'ambasciata americana in Ruanda, i diplomatici hanno persino organizzato il trasferimento dell'imputato all'Aia.

Sostenere la giustizia ma opporsi alla Corte

Il rapporto degli Stati Uniti con la CPI è particolarmente sconcertante, perché "gli Stati Uniti hanno sempre avuto un ruolo nella giustizia internazionale, tornando al ruolo che hanno svolto nei processi di Norimberga e Tokyo dopo la seconda guerra mondiale", spiega Kelebogile Zvobgo . Zvobgo è un assistente professore di governo presso William & Mary e fondatore e direttore dell'International Justice Lab .

Gli Stati Uniti sono stati coinvolti anche nelle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che hanno portato alla creazione del Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia , che ha indagato e perseguito i crimini atroci commessi durante i conflitti nei Balcani negli anni '90, osserva, così come il Tribunale penale internazionale per il Ruanda , che ha indagato e perseguito il genocidio.

Inizialmente gli Stati Uniti sembravano aperti alla formazione di un tribunale penale internazionale permanente quando l'idea è nata dopo che la Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio è stata approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1948. Un diplomatico statunitense, George Morris, ha persino presieduto un comitato che si è riunito a Ginevra per discutere il concetto, secondo questo articolo del 2007 dello studioso di diritto internazionale John P. Cerone . Ma si è scoperto che c'era un problema.

"Mentre gli Stati Uniti sembravano favorevoli alla creazione di un tribunale penale internazionale, il tribunale previsto avrebbe giurisdizione solo su quegli individui il cui stato di nazionalità aveva riconosciuto la giurisdizione del tribunale per trattato", ha scritto Cerone . Ciò fondamentalmente consentirebbe ai paesi, ad esempio gli Stati Uniti, di rinunciare ed essere esentati dall'autorità del tribunale.

Le discussioni sulla formazione di un tribunale internazionale sono continuate per diversi decenni e il presidente Bill Clinton ha persino proposto l'istituzione di un tribunale permanente "per perseguire le più gravi violazioni del diritto umanitario" in un discorso del 1997 all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il Congresso ha approvato anche una risoluzione congiunta a sostegno della formazione di un tribunale.

Ma secondo l'articolo di Cerone , le agenzie di intelligence statunitensi e le forze armate statunitensi - i cui membri potrebbero essere indagati da tale tribunale - non erano così favorevoli. La delegazione statunitense che si è recata a Roma nel 1998 per partecipare ai negoziati del trattato ha cercato di trovare il modo di limitare la capacità della CPI di indagare sugli americani.

L'8 luglio 2019 la Corte penale internazionale ha condannato il signore della guerra ribelle congolese Bosco Ntaganda per crimini di guerra, tra cui la direzione di massacri di civili, stupri e schiavitù sessuale. Gli Stati Uniti hanno contribuito a trasferire Ntaganda all'Aia.

Invadere L'Aia

Di ritorno a Washington, i conservatori al Congresso hanno espresso una forte opposizione. Il senatore Jesse Helms, il repubblicano della Carolina del Nord che ha presieduto la commissione per le relazioni estere del Senato, ha scritto al segretario di Stato Madeleine Albright di essere "inalterabile contro la creazione di un tribunale penale permanente delle Nazioni Unite" perché darebbe troppo all'ONU potere sugli Stati Uniti, come dettaglia questo articolo del New York Times del 1997 .

Alla fine, gli Stati Uniti sono stati una delle poche nazioni che hanno votato contro lo Statuto di Roma, e sebbene il presidente Clinton lo abbia firmato prima di lasciare l'incarico, il Senato non lo ha mai ratificato per rendere gli Stati Uniti parte dello statuto.

Invece, dopo che l'ICC ha iniziato le operazioni nel 2002, il Congresso è passato e il presidente George W. Bush ha firmato l' American Servicemembers' Protection Act , noto informalmente come The Hague Invasion Act. Limita il sostegno degli Stati Uniti all'ICC e autorizza il presidente degli Stati Uniti a utilizzare "tutti i mezzi necessari e appropriati" per ottenere il rilascio di americani e alleati detenuti o processati dall'ICC, secondo questo rapporto del Congressional Research Service.

Perché l'opposizione? Dall'inizio della CPI, i funzionari statunitensi temevano che "al procuratore della corte sarebbe stato concesso troppo potere incontrollato e lui o lei avrebbe potuto condurre procedimenti penali contro i soldati statunitensi per motivi politici", John Bellinger III, consulente legale del Il Consiglio di Sicurezza Nazionale e il Dipartimento di Stato durante l'amministrazione Bush, hanno spiegato di recente in un'intervista alla National Public Radio .

Da allora, gli Stati Uniti hanno assunto una posizione che alcuni vedono come un doppio standard.

"Abbiamo aiutato a trasferire i fuggitivi all'Aia", dice Zvobgo. "Semplicemente non ci piace la giurisdizione sul nostro personale".

Gli Stati Uniti hanno sostenuto pienamente il processo della CPI contro l'ex leader serbo-bosniaco Radovan Karadzic. Karadzic è stato condannato a 40 anni di carcere nel 2016 dopo essere stato condannato per genocidio per il suo ruolo nel massacro del 1995 di oltre 8.000 uomini e ragazzi musulmani.

La CCI e la sovranità degli Stati Uniti

Un argomento particolarmente delicato sono state le azioni statunitensi in Afghanistan. Nel 2017, l'allora procuratore della CPI Fatou Bensouda ha richiesto l'autorizzazione giudiziaria per indagare sui crimini di guerra commessi in Afghanistan - uno stato parte dello Statuto di Roma dal 2003 - comprese le accuse contro i membri dell'esercito statunitense, nonché il personale della CIA (Central Intelligence Agency) degli Stati Uniti coinvolto con strutture di detenzione segrete in Afghanistan e in altri paesi. (Anche i talebani, i suoi alleati e le forze dell'ex regime sostenuto dagli Stati Uniti sono stati elencati come soggetti per le indagini.) È stato solo nel marzo 2020 che una giuria d'appello ha annullato una decisione precedente e ha autorizzato l'indagine a procedere .

Quella mossa ha innescato una rappresaglia da parte dell'allora presidente Donald Trump, che ha emesso un ordine esecutivo in cui denunciava l'affermazione della giurisdizione della CPI come "illegittima" e congelava tutti i beni statunitensi del personale del tribunale coinvolto nelle indagini, così come chiunque lo avesse anche assistito. Nell'aprile 2021 l'amministrazione Biden ha posto fine a tali sanzioni , pur continuando a opporsi all'affermazione di giurisdizione del tribunale.

Mentre alcuni critici potrebbero credere che la CPI possa intromettersi nella sovranità degli Stati Uniti , tale possibilità è limitata dal principio di complementarità , che sostiene che la CPI non può intraprendere indagini se un paese ha giurisdizione e sta indagando sulle accuse.

"La premessa della Corte penale internazionale è un tribunale di ultima istanza", afferma Zvobgo. "Quindi interviene solo quando gli attori domestici si dimostrano riluttanti o incapaci di condurre indagini e perseguire".

Come gli Stati Uniti, l'Ucraina non ha mai ratificato lo Statuto di Roma, ma la CPI continuerà a indagare sui crimini contro l'umanità.

Inoltre, l'ICC non si precipita esattamente a giudicare. Al contrario, le sue indagini possono richiedere anni. Il processo inizia con un lungo esame preliminare, durante il quale la nazione coinvolta può anticipare un'indagine su vasta scala avviando la propria indagine. Se ciò non accade e la CPI vede una probabilità dei crimini che è stata istituita per perseguire, può passare a un'indagine su vasta scala, afferma Zvobgo.

E l'Ucraina?

L'Ucraina, come gli Stati Uniti, non ha mai ratificato lo Statuto di Roma, il trattato che stabilisce e regola l'autorità della CPI. Ma in due occasioni, nel 2013 e di nuovo nel 2015, l'Ucraina ha accettato di accettare la giurisdizione della CPI sui crimini commessi all'interno del suo territorio.

Nella dichiarazione del 2015 , l'Ucraina ha citato crimini presumibilmente commessi da alti funzionari della Federazione Russa e leader di due movimenti separatisti con sede in Russia, accusandoli di aggressione armata che ha portato alla morte di migliaia di ucraini. La CPI ha indagato da quel momento.

On Feb. 28, 2022, shortly after Russia launched its current invasion, ICC prosecutor Karim Khan announced that his office would expand its effort and investigate the latest conflict as well, saying there is "a reasonable basis to believe that both alleged war crimes and crimes against humanity have been committed in Ukraine."

Khan's office began looking into how to preserve evidence of the crimes, and asked for cooperation from the international community. He also appealed to anyone with information useful to the probe to come forward.

Additionally, 43 states who are party to the Rome Statute have referred the conflict in Ukraine to the ICC for investigation, Jonathan M. DiCicco says an email. He's a professor of political science and international relations at Middle Tennessee State University whose areas of academic interest include conflict resolution in international politics.

Russia, like the U.S. and Ukraine, isn't among the 123 nations that are parties to the Rome Statute, but Russian forces' actions are subject to ICC scrutiny because they are taking place within the borders of Ukraine, a country that has accepted ICC jurisdiction from 2013 onward, according to Zvobgo.

But it isn't going to be easy for the ICC to prosecute Russian crimes in Ukraine, despite all the evidence of wrongdoing that's already appeared in media reports.

"Since Russia is not a state party to the Rome Statute, we can expect that Moscow will resist attempts by the ICC to investigate and establish custody over Russian nationals accused of war crimes," DiCicco explains. "That doesn't mean that the ICC will not take further action, but it does mean that the process is likely to be complicated and slow.

"Le accuse di orribili atrocità in Ucraina richiedono attenzione internazionale", afferma DiCicco. "La CPI sta giocando un ruolo chiave nelle indagini sulla situazione... e la Russia di Putin cercherà di vanificare i tentativi internazionali di perseguire i cittadini russi. Tuttavia, la situazione in Ucraina potrebbe rivelarsi una prova cruciale dell'efficacia della CPI in un mondo in cui la politica di potere getta una lunga ombra sul diritto internazionale e sulla giustizia penale .

Ora è importante

Oltre agli Stati Uniti e alla Russia, un'altra importante potenza mondiale - la Repubblica popolare cinese - è un'altra non aderente allo Statuto di Roma, osserva DiCicco.

Suggested posts

Uno sguardo ai matrimoni più memorabili della Casa Bianca

Uno sguardo ai matrimoni più memorabili della Casa Bianca

Solo poche persone si sono sposate alla Casa Bianca negli ultimi 200 e più anni. Chi erano e cosa è necessario per segnare un matrimonio lì?

Pripyat: la città fantasma ucraina all'ombra di Chernobyl

Pripyat: la città fantasma ucraina all'ombra di Chernobyl

La città fantasma di Pripyat in Ucraina è una delle vittime dell'era atomica e un avvertimento per tutti noi sui pericoli dell'energia nucleare gestita in modo improprio.

Related posts

Chief Plenty Coups: leader visionario e difensore della nazione dei corvi

Chief Plenty Coups: leader visionario e difensore della nazione dei corvi

Chief Plenty Coups è stato scelto per rappresentare tutti i nativi americani presso la Tomba del Milite Ignoto. Questo è stato un onore appropriato per un leader coraggioso e coraggioso del suo popolo.

5 citazioni eloquenti e durature di Maya Angelou

5 citazioni eloquenti e durature di Maya Angelou

Una delle donne afroamericane più citate (e erroneamente citate), le parole e le opere di Maya Angelou hanno risuonato con persone di tutte le età e fasi della vita. Ecco cinque citazioni che spiegano perché.

Martha Mitchell: La donna che sapeva troppo del Watergate

Martha Mitchell: La donna che sapeva troppo del Watergate

L'hanno chiamata pazza. L'ha persino drogata e rapita per farla tacere. Ma alla fine aveva sempre ragione.

Qual è la differenza tra una democrazia e una repubblica?

Qual è la differenza tra una democrazia e una repubblica?

Gli Stati Uniti sono una democrazia o una repubblica? O entrambi? E qual è la differenza, comunque?

Tags

Categories

Top Topics

Language